La verde Russia bizantina

Boschi, campi verdi, villaggi con casette di legno e tetti a punta. La Russia prende forma dietro i vetri mentre l’aereo atterra all’aeroporto di Mosca Domodedovo. Inizia cosi il viaggio organizzato da Tumlare, multinazionale di destination management, specializzata in gruppi e tailormade, con trenta sedi europee tra cui Mosca e San Pietroburgo. Partner del press tour e l’Aceb, l’Associazione Citta Eredi di Bisanzio, che fa da ponte tra Italia e Russia in nome della cultura bizantina

 

L’itinerario tocca alcune delle principali citta dell’Anello d’Oro: da Mosca verso Nord-Est, con tappe a Serguiev Posad, Rostov, Yaroslavl, Suzdal e Vladimir.

 

Mosca tra grattacieli e cupole a cipolla

Con 30 gradi l’estate moscovita e arrivata all’improvviso, ci si alleggerisce dellamezza stagionemediterranea e, accolti dalla guida in italiano Pietro Riabechevsky, in men che non si dica ci si affaccia sul ponte della Moscova di fronte alla chiesa di San Basilio.

 

Sulla Piazza Rossa e stato appena allestito il palco per il concerto serale. Giovani vestiti a festa con coccarde passeggiano nei giardini, mentre davanti al milite ignoto si svolge il cambio della guardia. La statua a cavallo del grande generale Zukov della Seconda Guerra Mondiale e di fronte al Museo Storico, poco piu in la il 5 stelle Four Seasons, dopo il teatro Bolshoi.Mosca brilla lungo il fiume, gli antichi palazzi restaurati nei tenui colori pastello, le antiche cupole a cipolla dorate, i giardini fioriti e i grattacieli sovietici lucidi sono il risultato del lavoro degli ultimi 20 anni che hanno riportato al fasto la grande citta, che oggi conta 20milioni di abitanti.

 

Si brinda con la vodka allo storico ristorante Godunov del XVII secolo insieme a Elena Rusova, gm della sede Tumlare di Mosca; Sergej Rubin, purchasing manager Russia & Cis che accompagnera il gruppo nel viaggio; e Sergio Bedini, salesmanager Italia di Tumlare.Una giornata intensa che termina al confortevole emoderno Azimut Moscow Olympix, a 15 minuti dal centro, dove l’indomani scopriamo che i russi amano le colazioni ricche e non si fannomancare nulla per iniziare la giornata.

 

Il Monastero di San Sergio

Damaggio a ottobre imoscoviti trascorrono nella loro dacia (casa di campagna,ndr) i weekend, che spesso diventano lunghi; accettano con rassegnazione le ore di traffico per uscire dalla citta. Il nostro pulmino si unisce al mare di automobili percorrendo 75 kmper visitare il Monastero di Serghjev Posad, cuore della chiesa ortodossa russa. Il Monastero di San Sergio non appartiene alle antiche citta dell’Anello d’Oro tra Mosca e il Volga. E invece legato alla figura del grande santo, capo spirituale della Russia: Sergio di Radonez, canonizzato nel 1422. Nato nel 1314 a Rostov, Sergio inizio una vita da eremita, insieme a suo fratello Stefano, e molti si unirono a loro. Ben presto l’eremitaggio si trasformo in un monastero e tutto intorno crebbe un borgo abitato da artigiani. Nacque cosi la Lavra della Trinita di San Sergio, dove tutti i fedeli si recano in pellegrinaggio, che fu testimone di molti eventi storici. Resistendo agli attacchi degli invasori polacchi nel Seicento, fu rifugio di Pietro I e in seguito dei suoi fratelli in rivolta Sofia e Ivan. La piccola cattedrale della Trinita e il centro del monastero, il flusso dei pellegrini continua ancora oggi. Furono i grandi pittori Andrei Rubliov e Danil Ciornyi a dipingere le icone per l’iconostasi della cattedrale, tra cui la famosa Trinita di Rubiov. Qui sono custodite le reliquie di San Sergio, e anche chi non e ortodosso viene colto dall’intensa spiritualita del tempio, con il canto dei musici che tanta parte ha nella liturgia russa.

 

A Serghiev Possad lemura fortificate racchiudono chiese, campanili, palazzi, cappelle, cupole,musei, e gli stili sono innumerevoli: dal barocco di Mosca alle Iconostase dorate con le icone che seguono quasi sempre lo stesso ordine di cinque livelli. Nelle immagini sono ritratti patriarchi e santi, e tornano le gesta degli zar, daVladimir il grande a Pietro I, Ivan il Terribile, Caterina la Grande. E ancora: tartari, mongoli e polacchi, fino a Napoleone. La storia russa ritorna in ogni parte del viaggio, tanto che si entra in confidenza con i suoi personaggi: San Sergio con la barba bionda, Caterina che ne combinava sempre una, Ivan il Terribile con le suemogli. A pochi passi dalMonastero, il ristorante Rusky Dovrik accoglie gli avventurieri dell’Anello d’Oro con un tipico pranzo russo: insalata di patate, piselli e cetrioli; minestra di verdura; il chicken Kiev, cotoletta di pollo fritta con burro aromatizzato.

 

L’Aceb celebra la cultura slava a Rostov La tappa successiva e Rostov il Grande, una delle citta piu antiche del Paese, con un imponente passato politico e commerciale. Oggi e un importante centro religioso con il suo Monastero. Durante le celebrazioni per l’anniversario della citta e la settimana della cultura slava, la delegazione italiana ha incontrato Igor Danilov, fondatore dell’Associazione Citta Eredi di Bisanzio, accompagnato dal suo vice Antonio Pagano e dal vicesindaco di Rostov. Danilov ha fondato Aceb nell’ottobre del 2013 con l’obiettivo di riunire le citta chehanno comuni radicibizantine ediffondere – con il supporto dei comuni italiani e russi – la conoscenza dei patrimoni legati all’ Impero. 

 

Dopo la visita al Cremlino di Rostov, animato da bancarelle e visitatori in costume si riparte verso ilVolga. La citta diYaroslavl, sul grande fiume, conta 591 mila abitanti e ha un’universita, unaeroporto e unportomarittimo.Qui pranziamo sulle rive del Volga con i rappresentanti del Comune, per poi visitare il Monastero Spaso-Preobrazhenski.

 

I Monumenti bianchi di Suzdal eVladimir sono Patrimonio dell’ Umanita dell’ Unesco. Arriviamo a Suzdal in serata: il sole che tramonta sui prati fioriti del Cremlino e commovente. Questo piccolo paese che vive di turismo, con le sue case di legno decorate, i fiumi e i boschi, e indimenticabile nella sua semplicita. Ci spostiamo a Vladimir, capitale russa dal 1169 al 1238, finche non cadde sotto imongoli, e oggi conosciuta per la Porta D’Oro.

 

E l’ultima tappa prima di salutare la Russia, con la voglia e la certezza di tornarci presto.

 

Cristina Ambrosini

 

>>>